La spinta impressa negli ultimi anni dal legislatore del diritto concorsuale tende ad agevolare il risanamento dell’impresa in crisi attraverso la valorizzazione degli accordi negoziali, al fine di tutelare il valore aziendale e i livelli occupazionali.

In attesa dell'entrata in vigore del nuovo Codice della crisi d’impresa (attualmente posticipata al 1° settembre 2021), è oggi possibile ricorrere a tre diverse procedure, finalizzate alla gestione e al superamento dello stato di crisi delle imprese:

  • il piano attestato di risanamento (ex art. 67, L.F.)

  • l’accordo di ristrutturazione dei debiti (ex art. 182-bis, L.F.)

  • il concordato preventivo (ex artt. 160 ss. L.F.)

 

Tra i vantaggi di queste soluzioni vi è la limitazione dell’azione revocatoria e la non applicabilità delle disposizioni in materia di bancarotta semplice e preferenziale per pagamenti e operazioni compiuti in esecuzione di un piano attestato o di un accordo di ristrutturazione omologato.

TORNA ALLE AREE DI ATTIVITÀ

GESTIONE DELLA CRISI D'IMPRESA E RISANAMENTO AZIENDALE

© 2020 by Studio Legale e Commerciale Bucchi Bassarelli De Magistris  |  Privacy policy